F.a.q.

 

Cosa sono i prodotti cosmetici eco bio?

Sono prodotti per la cura del viso, corpo, capelli e make up privi di sostanze chimiche di sintesi, ecologiche e pertanto meno inquinanti, con ingredienti naturali vegetali derivanti per il 95% da agricoltura biologica, meglio se a km 0. Non sono testati su animali e sono privi di parabeni, siliconi, tensioattivi chimici, formaldeide e sostanze cessori di formaldeide.

↑ Torna su

Artiglio del Diavolo e Arnica: quale scegliere?

L’Arnica e l’Artiglio del Diavolo sono i principi attivi vegetali più utilizzati nei prodotti antidolorifici.

 L'arnica è utile per il trattamento di traumi, contusioni, strappi muscolari, urti e dolori reumatici, grazie alla sua capacità di attenuare il processo infiammatorio e ridurre il gonfiore edematoso.

L’artiglio del diavolo ha un'azione analgesica e rilassante sui muscoli e sugli arti, utile in caso di tendiniti, mal di schiena, dolori cervicali, artrite. 

↑ Torna su

Che cos' il COSING?

Il COSING è l'acronimo di Cosmetic Ingredient Database, ossia il database europeo degli ingredienti cosmetici. Prettamente in lingua inglese, per ogni ingrediente viene indicata la proprietà e se vi sono restrizioni d'uso.

Ulteriori informazioni su http://ec.europa.eu/growth/sectors/cosmetics/cosing/index_en.htm

↑ Torna su

Che cos' la Skin Diet?

Siamo ciò che mangiamo, inutile negarlo. La Skin Diet è un insieme di regole dietetiche messe a punto da un gruppo di dermatologi dell'associazione Skineco, per la cura di alcune problematiche dermatologiche come psoriasi, acne e dermatiti.

Per ulteriori info http://www.skineco.org/index.php?option=com_content&view=category&layout=blog&id=16&Itemid=110&lang=it

↑ Torna su

Che cos' l'acqua micellare?

L'acqua micellare è un prodotto utile per detergenza del viso il cui nome prende origine dalle micelle, sfere tensioattive che insieme all'acqua termale contenuta nella soluzione, catturano le impurità e i residui del male up, anche waterproof. Possiamo definirlo un prodotto 2 in 1, latte detergente e tonico insieme. È un prodotto non oleoso che non necessita di risciacquo.

↑ Torna su

Come si distribuiscono gli oli essenziali nella piramide olfattiva?

La piramide olfattiva è una rappresentazione grafica utilizzata in profumeria per la classificazione dei profumi o note olfattive. Le classi sono tre: note di testa, note di cuore e note di fondo.

 

Note di Testa

Le note di TESTA sono le prime ad essere percepite, ma hanno la caratteristiche di evaporare velocemente . Sono, fresche, leggere ma di debole persistenza. Fanno parte di questo gruppo gli agrumi, le piante aromatiche, le note acquatiche o marine. Hanno durata compresa fra 0 e 4 ore.

Oli essenziali che ne fanno parte: Arancio dolce, Arancio amaro, Bergamotto, Cajeput, Canfora, Cardamomo, Carvi, Cedro, Citronella, Cumino, Estragone, Eucalipto, Lemongrass, Limone, Litsea, Mandarino, Menta piperita, Petitgrain, Pompelmo, Verbena.

 

Note di Cuore

Le note di CUORE emergono dopo le note di testa e persistono per qualche ora, sono fragranze morbide ed avvolgenti. Appartengono a questo gruppo gli odori dei fiori, della frutta e le note verdi. Hanno durata compresa fra 4 e 12 ore.

Oli essenziali che ne fanno parte: Achillea, Alloro, Anice, Camomilla Romana, Camomilla Blu, Coriandolo, Finocchio, Gelsomino, Gerano, Issopo, Lavanda, Melissa, Mimosa, Mirto, Mughetto, Neroli, Pino Cembro, Rosa, Rosmarino, Salvia, Salvia Sclarea, Vaniglia, Violetta, Ylang-Ylang.

 

Note di Fondo

Ciò che resta di un profumo, non vengono immediatamente percepite ma sono quelle più persistenti.

Fanno parte di questo gruppo i legni, muschi, note ambrate, vaniglia, spezie. Evaporano con lentezza e possono persistere per giorni. Hanno durata superiore a 12 ore.

Oli essenziali che ne fanno parte: Abete Rosso, Angelica, Basilico, Benzoino, Betulla, Cannella, Legno Di Cedro, Chiodi Di Garofano, Cipresso, Elicriso, Ginepro, Incenso,Legno Di Rosa, Maggiorana, Mirra, Muschio, Noce Moscata, Origano, Patchouli, Pepe Nero, Pino Silvestre, Sandalo, Santoreggia, Tea Tree, Timo, Tuberosa, Vetiver, Zenzero.

↑ Torna su

Come si legge un INCI?

Imparare a leggere l'INCI consente di essere un consumatore consapevole dei propri acquisti.

La difficoltà che spesso incontrano i consumatori è la lettura dell'INCI, in quanto gli ingredienti sono riportati in inglese e le sostanze di origine vegetale in latino.

Oggi, consultando il sito www.biodizionario.it si può immediatamente risalire alle caratteristiche di ogni ingrediente in modo chiaro e semplice. Per i possessori di smartphone è disponibile l'applicazione ICEA Cosmetic Check, che riconosce ognuna delle quasi 9000 sostanze, in costante aggiornamento, registrate nell’inventario europeo degli ingredienti utilizzabili dall’industria cosmetica. 

Per facilitare l’inserimento ed evitare errori di trascrizione è il programma stesso a suggerire i nomi degli ingredienti corrispondenti alle prime lettere digitate. 
Quando si dà il via al processo di valutazione, ICEA Cosmetic check divide gli ingredienti inseriti in “buoni” e “cattivi”

I “buoni”, visualizzati in verde, sono quelli eco e dermocompatibili, che non contengono Ogm né sostanze chimiche di sintesi, non sono tossici, né producono effetti indesiderati sul corpo umano. Fanno cioè parte delle circa 3.500 sostanze ammesse dai criteri della certificazione Bio-ecocosmetica, definiti da Aiab, l’Associazione Italiana Agricoltura Biologica, insieme a produttori, centri universitari e consumatori. Tutti gli altri, evidenziati in rosso, sono quelli che, pur essendo a norma di legge, non vengono adottati dalle aziende più sensibili ai bisogni dei consumatore (petrolio, petrolati, parabeni eccetera).

↑ Torna su

Come si sceglie il correttore giusto?

 Osservando la ruota dei colori e scegliendo i colori complementari, cioè quelli che si trovano l’uno di fronte all’altro.
Quindi, ad esempio:
1. le occhiaie viola vanno corrette con un correttore giallo
2. i rossori vanno corretti con un correttore verde
3. Le discromie bluastre vanno corrette con un correttore pesca.
↑ Torna su

Cosa l'INCI?

INCI è l'acronimo di International Nomenclature of Cosmetics Ingredients, ossia il linguaggio internazionale con cui vengono chiamati ed identificati gli ingredienti presenti in un cosmetico. Ogni ingrediente va inserito utilizzando termini in inglese, ad eccezione degli estratti di origine vegetale di cui è ammesso il nome in latino. Nel caso in cui siano presenti dei coloranti,questi vanno inseriti indicando il CI, Colour Index. L'INCI deve obbligatoriamente essere presente sul prodotto o sul suo packaging e la regola vuole che gli ingredienti siano scritti in ordine decrescente di incorporazione: ciò vuol dire che l'ingrediente scritto per primo è quello presente in maggiore quantità.

↑ Torna su

Cosa rappresenta il marchio NATRUE?

Natrue logo

Su alcuni prodotti appare il nuovo marchio NATRUE. In ambito cosmetico esistono delle certificazioni volontarie che le aziende possono decidere di acquisire dimostrando ovviamente di possedere i requisiti richiesti dalla certificazione stessa. NATRUE è il nuovo marchio di cosmesi naturale, nato per aiutare il consumatore a distinguere gli autentici cosmetici naturali e biologici. 


Esistono tre tipi di livelli che sono raggiungibili con il marchio NATRUE:


>> cosmetici naturali (livello 1)
>> cosmetici naturali con componenti biologiche (livello 2)
>> cosmetici biologici (livello 3).


Il primo livello è lo standard base della certificazione e definisce i cosmetici naturali di alta qualità. Solo i prodotti che adempiono a questi criteri fondamentali della certificazione possono aspirare ad ottenere il livello due o tre, in base al loro contenuto di ingredienti da coltivazione biologica controllata.

Sugli scaffali dei negozi potrete trovare i prodotti Weleda con il marchio
 NATRUE sulle confezioni.

Per maggiori informazioni relative al marchio
 NATRUE ed ai criteri di qualità, vi invitiamo a visitare il sito: 

www.natrue.org

↑ Torna su

Cosa significa se il prodotto cosmetico cambia odore o colore?

La variazione di colore, odore, consistenza viene definita dagli addetti ai lavori come alterazione delle caratteristiche organolettiche del prodotto, a cui si possono aggiungere alterazioni batteriche e fungine. Questo problema si verifica per lo più sui prodotti che sono stati aperti, usati e/o conservati in modo non corretto e che vengono a contatto con elementi esterni, come ossigeno e batteri. I conservanti presenti nei cosmetici hanno la funzione di rallentare il deterioramento dovuto proprio all’attacco microbico e insieme agli antiossidanti prevengono l’irrancidimento di oli e grassi inseriti nella formulazione del cosmetico stesso. 

Se un cosmetico presenta evidenti segni di alterazione prima che sia trascorso il tempo dall’apertura indicato sulla confezione è bene non utilizzarlo e si può segnalare all'azienda produttrice il problema.ci si può rivolgere al produttore per avere chiarimenti.  

↑ Torna su

Cosa sono gli ecodoni?

Gli ecodoni sono idee regalo in edizione limitata, ecologiche ed equo solidali, utili per diffondere la cultura dei prodotti a basso impatto ambientale,ma alto potere sociale. Queste caratteristiche sono presenti sia nei prodotti da acquistare che nel packaging che li contiene in quanto materiali ecologici e facilmente riciclabili.

↑ Torna su

Cosa sono gli Elisir?

Gli Elisir servono per creare, personalizzare e potenziare prodotti cosmetici come maschere per il viso, corpo e igiene intima e possono essere usati puri a gocce, singoli o miscelati ad altri Elisir. In particolare potenziano:

  •  le Acque Floreali (Idrolati);
  • gli Oli Vegetali e i Burri;
  •  i propri Spignatti domestici;
  •  Maschere Viso o Impacchi per capelli

Un Flaconcino può potenziare fino a 200 ml di prodotto. La concentrazione è a vostra discrezione ed è in funzione del trattamento che si vuole eseguire. Per un trattamento d'urto si consiglia di potenziare max 50 ml di prodotto.

↑ Torna su

Cosa sono i Gruppi di Acquisto Solidale e come funzionano?

I Gruppi di Acquisto Solidale (G.A.S.) sono un gruppo di consumatori che si organizzano per acquistare insieme prodotti alimentari o di uso comune, da ridistribuire tra loro, seguendo il principio della solidarietà, che li porta a preferire produttori piccoli e locali, rispettosi dell'ambiente e delle persone, con cui entrare in relazione diretta.

Con l’avvento di internet, i G.A.S. acquistano anche in rete e il  concetto è simile:  ottenere il miglior prezzo, ridurre gli scarti, egli imballaggi, le spese di trasporti e il numero di passaggi. Tutto ciò finalizzato ad ottenere un risparmio rispetto a prodotti di pari qualità acquistati in altri circuiti distributivi.

Contattaci per scoprire le offerte riservate ai G.A.S.

↑ Torna su

Cosa sono i Secret Kit?

I Secret kit sono un'idea Fior di Glicine, nati sulla scia del kit di Benvenuto che avete già conosciuto, per chi desidera farsi o fare un regalo totalmente a sorpresa! Quante volte avete necessità di fare un regalo ma non avete nessuna idea su cosa acquistare o vi manca il tempo? Noi lo scegliamo per voi!

Ogni secret kit richiamo i nostri colori preferiti: green, purple e lilac. Ciò che li differenzia è il prezzo e troverete almeno 3 prodotti di biocosmesi per la cura e la bellezza della persona, oltre che i campioncini in omaggio.

 I secret kit hanno la particolarità di essere convenienti e adatti alle tue esigenze:

- convenienti perché  il valore dei prodotti che troverai all’interno sarà sempre superiore a quanto effettivamente pagato e ti arriverà già confezionato

- adatti alle tue esigenze grazie al questionario che riceverai via mail, dopo aver acquistato il kit, per scegliere i prodotti giusti per te o per la persona che riceverà il tuo regalo.

Il costo della spedizione è di € 6,50 ma acquistando ulteriori prodotti e raggiungendo la soglia di € 25,00 la consegna sarà completamente gratis.

 

Non ti resta che provarlo!

↑ Torna su

Cos' il PAO?

PAO è l'acronimo di Period After Opening ossia il tempo in cui il prodotto può essere utilizzato senza effetti nocivi per il consumatore una volta aperto. Superato tale periodo si presume che il contatto con l’ambiente esterno possa alterare le caratteristiche del prodotto stesso, ad esempio, modificandone il colore o la consistenza oppure favorire la contaminazione microbica.

L'indicazione del PAO è obbligatorio per i prodotti cosmetici con una durata superiore a 30 mesi, tranne  per i prodotti monodose, quelli confezionati in modo da non venire a contatto con l’ambiente esterno (come gli spray e gli aerosol) oppure quelli che, per le loro caratteristiche formulative, possono durare a lungo, senza rischi di deterioramento nel tempo, sono esentati dall’indicazione del PaO. Tra questi ultimi vi potrebbero essere, ad esempio, alcune colorazioni per capelli oppure profumi oppure, ancora, creme depilatorie.

Il PAO è indicato in tutti i Paesi dell’Unione Europea con uno stesso simbolo: un vasetto aperto su cui è apposta la durata in mesi del prodotto dopo l’apertura, scritta in cifre, seguita dalla lettera “M”. Il simbolo è presente sia sul contenitore primario (a diretto contatto con il cosmetico) sia, se presente, su quello secondario (l’imballaggio esterno).

Stabilire la durata o il PAO di un cosmetico rientra fra gli obblighi dei produttori. Per farlo si sottopone il prodotto a una serie di studi che permettano di valutarne la stabilità. Per esempio, si possono conservare campioni dello stesso cosmetico a temperature e condizioni diverse per alcuni mesi per osservare il comportamento e verificare se si manifestano modificazioni chimiche o fisiche.

↑ Torna su

Cos' una Beauty Box?

Una beauty box altro non é che il proprio cofanetto di bellezza personalizato , contenente i prodotti cosmetici e il make up adatto per il proprio tipo di pelle.  

↑ Torna su

consigliato aggiungere oli e burri nella pastella delle erbe tintorie?

No, è fortemente sconsigliato, perché gli oli creano una patina intorno al capello che impediscono all' henne e alle erbe tintorie in generale di aderire al capello stesso e di legarsi alla cheratina. Per lo stesso principio, è preferibile applicare la pastella su capelli puliti e leggermente umidi.

↑ Torna su

L'aggiunta di th e Karkad apportano benefici nel fissaggio del colore delle erbe tintorie?

C'è da distinguere tra thè e karkadè. In entrambi si sfrutta la loro azione astringente dovuta ai tannini che chiudono le squame del capello, lo rendono lucido e quindi il colore appare più vivo. Il karkadè inoltre, è ricco di mucillagini, quindi aiuta a diminuire il senso di secchezza che in alcuni casi si può avvertire e che comunque scomparirebbe da solo in 24/48 ore al massimo.

Detto ciò il fissaggio del colore dipende dalla struttura del proprio capello, da quanto tempo si utilizzano le erbe tintorie e con quale frequenza, dal rispetto del tempo di posa e da una corretta preparazione della pastella.

↑ Torna su

Qual la differenza tra ossidazione e acidificazione delle erbe tintorie?

Ossidare significa attivare il colore è generalmente avviene con acqua calda (50-70 gradi), la quale agisce da solvente, libera i principi attivi delle piante e consentono la formazione del pigmento. L'ossidazione è una fase fondamentale e deve essere effettuata su ogni tipo di erba tintoria.

L'acidificazione è una procedura che va riservata ai soli colori caldi (i colori freddi e scuri vanno alcalinizzanti con bicarbonato oppure lasciati agire senza aggiungere nulla) e consiste nell'aggiunta di yogurt,limone o aceto nel composto ossidato per aumentare la resa è il fissaggio del colore sul capello. In particolare lo yogurt si aggiunge per donare morbidezza alla chioma, l'aceto per un effetto sgrassante, il limone per accentuare i riflessi chiari. 

↑ Torna su

Quale olio usare per i capelli?

In commercio esistono diversi oli vegetali da usare per i capelli e ovviamente, ognuno, ha una sua peculiarità. La scelta va fatta tenendo conto di tre elementi: il tipo di capello, l'utilizzo che se ne vuole fare, la densita' dell'olio. Questo perche' gli oli possono essere usati sia come impacco/maschera pre_-shampoo che come prodotto da applicare su capelli asciutti, quindi, ad esempio un olio di Ricino, il più pesante se consideriamo la sua densità, non può essere consigliato su capello asciutto nè su un capello grasso, ha senso invece usarlo su capelli secchi e sfibrati, risultato di esposizione ad agenti atmosferici o di un abuso di tinte e permanenti, che necessitano di essere ristrutturati.

Nei prossimi giorni pubblicheremo un elenco dettagliato degli oli vegetali per aiutarvi in una scelta mirata.

↑ Torna su

Quali certificazioni sono oggi disponibili per i cosmetici naturali?

Nel settore cosmetico le aziende possono decidere volontariamente di acquisire delle certificazioni per i propri prodotti, con il duplice scopo di distinguersi da altre aziende e aiutare il consumatore nelle proprie scelte.

Nell’ambito della cosmesi naturale è ICEA, Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale, consorzio che controlla e certifica aziende che svolgono la propria attività nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente, tutelando la dignità dei lavoratori e i diritti dei consumatori.

Le certificazioni con i relativi marchi rilasciabili da ICEA sono 5:

  • Certificato di Cosmesi Naturale
  • Certificato di Eco Bio Cosmesi
  • Certificato Cosmos Organic
  • Certificato Cosmos Natural
  • Certificato Controllo LAV (lega anti vivisezione).

 

Per i dettagli sugli standard da rispettare per l’ottenimento di ogni singolo marchio, Vi invito a consultare il sito www.icea.info.

 

↑ Torna su

Quali sono i dosaggi degli oli essenziali?

Ogni olio essenziale presente nel nostro catalogo riporta la percentuale di utilizzo per soggetti adulti, a cui attenersi tassativamente

Ad esempio:

1% significa 1 ml di OE (circa 20 gtt) in 100 ml di olio vegetale
5% significa 5 ml di OE (circa 100 gtt) con aggiunta di 95 ml di olio vegetale.

↑ Torna su

Quali sono le caratteristiche di una pelle delicata e sensibile?

La Pelle Delicata e Sensibile è caratterizzata da rossori, irritazioni, ipersensinsile sia ad agenti esterni come freddo, caldo, vento che a situazioni legate all'umore, ansia, stress.

Le parole d'ordine sono: calmare, proteggere, nutrire.

↑ Torna su

Quali sono le caratteristiche di una pelle grassa?

La Pelle Grassa è caratterizzata da una produzione eccessiva di sebo che crea impurità e punti neri, soprattutto nella zona a T (fronte, naso e mento) e si riconosce per la sua untuosità.

Parole d'ordine: riequilibrare e purificare.

↑ Torna su

Quali sono le caratteristiche di una pelle mista?

La Pelle Mista viene così definita perchè presenta le caratteristiche sia della pelle Grassa, in corrispondenza della zona a T (fronte, naso e mento), sia delle Pelle Secca, sulle altre zone del viso.

Le parole d'ordine in questo tipo di pelle sono: riequilibrare, purificare, nutrire ed idratare.

↑ Torna su

Quali sono le caratteristiche di una pelle secca?

Una Pelle Secca è una pelle con una carenza di film idrolipidico, ruvida al tatto, screpolata, poco elastica, fragile, con un colorito chiaro e spento, che manifesta segni di invecchiamento precoce e rughe.

La parola d'ordine per questo tipo di pelle è: Nutrizione.

↑ Torna su

Quali sono le differenze tra oli vegetali, oleoliti ed oli essenziali?

Nomi simili, ma sostanza molto diversa. Prima di tutto è diverso il loro metodo di lavorazione ed estrazione: gli oli vegetali si ottengono per spremitura a freddo, gli oleoliti dalla macerazione di olio vegetale e piante fresca o secca, olio essenziale per distillazione in corrente di vapore, spremitura o enfleurage.

Gli oli vegetali possono essere utilizzati puri oppure diluiti con altri oli vegetali e hanno un'azione più che altro sul nostro aspetto fisico.

Gli oleoliti si usano per massaggi e impacchi, e agiscono sul piano fisico ad un livello più profondo rispetto agli oli base. Le loro  proprietà variano in base alle piante macerate. 

Gli oli essenziali sono così chiamati perrchè sono l'essenza della pinata in concentrazione altissima, e vengono utilizzati diluiti per uso cosmetico, puri in aromaterapia, quindi agiscono a livello, mentale , fisico ed energetico.

↑ Torna su

Condividi: